• Il mio terzo romanzo:
    Nati con la camicia

    Ho il piacere di presentarvi il mio terzo romanzo. "Nati con la camicia" (Europa Edizioni) il libro si può trovare o prenotare in tutte le librerie italiane, oppure tramite i bookstore on line.
    Ascolta l'anteprima del Libro

  • Gente Libera video presentazione

    La video presentazione del libro "Gente Libera" di Roberto Corradini realizzata a cura di RTTR buona visione.
    Guarda Video

  • Il sangue e l'inchiostro video presentazione

    La video presentazione del libro "Il Sangue e l'inchiostro" di Roberto Corradini realizzata a cura di Trentino Cultura buona visione.
    Guarda Video

  • 1
  • 2
  • 3
  • Home
  • Commenti
  • Commenti dei Lettori

Ferruccio Degasperi - Nati con la camicia

Roberto Corradini, ho appena finito di leggere il tuo ultimo libro "Nati con la camicia". Pagina dopo pagina, sono riemersi molti ricordi mi sono passati davanti tanti momenti della mia vita, come in un film. Sono contento di aver rivissuto, attraverso la tua scrittura accattivante, il lungo periodo fortunato da te descritto (1950-2015). E riconosco di appartenere anch'io, come te e come i protagonisti del tuo romanzo, ai "Nati con la camicia". Ferruccio Degasperi - Trento - 6 marzo 2021

Stampa Email

Rodolfo Weber - Nati con la camicia

caro Roberto Corradini, anche il tuo ultimo romanzo "Nati con la camicia" - come i tuoi due precedenti - mi ha regalato forti emozioni e fatto rivivere un fiume di bei ricordi. Questa volta però sono i ricordi sereni della nostra generazione, una generazione davvero fortunata rispetto alle precedenti e alle attuali. La tua scrittura scorrevole suscita interesse e sorprese ad ogni pagina e coinvolge piacevolmente il lettore. La storia da te narrata - improntata essenzialmente sui valori dell'amicizia e della famiglia - è intensa, mirabilmente costruita, divertente, a tratti commovente; fa bene al cuore. Bravo Roberto! Spero che il tuo racconto possa raggiungere tante persone. Rodolfo Weber - Mezzocorona - febbraio 2021

Stampa Email

Edoardo Croni - Nati con la camicia

Premesso che ogni opera di narrativa viene interpretata dal lettore con il proprio sentire e il suo particolare passato, leggendo "Nati con la camicia" di Roberto Corradini (Europa Edizioni) posso dire di aver rievocato con facilità, pagina dopo pagina, moltissimi ricordi personali e tante emozioni da me vissute nel periodo preso in considerazione dal libro (1950-2015). Ed alla fine della lettura ho rafforzato la convinzione di fare parte anch'io - come i due protagonisti principali del romanzo - della generazione "fortunata" che è nata e vissuta nel più lungo periodo di pace e prosperità della storia d'Italia e d'Europa. Emiliano e Francesco appartengono infatti - come me - a quelle famiglie di lavoratori italiani che hanno saputo contribuire concretamente alla ripresa sociale ed economica del dopoguerra, che hanno meritato e goduto le medesime opportunità di progresso in vari campi (igienico, normativo, culturale, ecc.) e che hanno potuto svolgere spesso un ruolo attivo durante i tanti eventi politici, sociali, sportivi, musicali e di costume caratterizzanti la storia italiana, europea e mondiale nella seconda parte del XX secolo.

Nella prima parte di "Nati con la camicia" mi sono imbattuto in personaggi e contesti che ho conosciuto anch'io - tali e quali - nel corso della mia infanzia, adolescenza e gioventù; li ho conosciuti - come Emiliano e Francesco - in famiglia, a scuola, in oratorio, in ambito lavorativo o in altri spazi comuni (impianti sportivi, balere, luoghi di villeggiatura, ecc.). Ed anche se non ho praticato la stessa attività sportiva di Emiliano ed anche se non ho avuto modo di suonare in un complesso musicale come Francesco, durante la lettura del romanzo ho avvertito di nuovo, dopo tanti anni, i loro stessi fremiti nell'ascoltare i primi 45 giri dei Beatles o dei Rolling Stones, opporre nell'assistere ai trionfi sportivi di Pietro Mennea o di Sara Simeoni, oppure nell'identificarmi nel James Bond di Sean Connery o nei personaggi western di Sergio Leone. Questo anche all'abilità dello scrittore nel descrivere in modo vivo le varie scene e nel suscitare debitamente emozioni e sentimenti.

Nella seconda parte del romanzo ho notato di colpo il mutamento del quadro generale impresso dall'autore: i due amici si ritrovano dopo tantissimi anni in un modo improvviso e imprevisto, direi anche un po' ruvido. La narrazione rimane fluida e accattivante, ma assume un ritmo diverso: ai due amici bastano pochi minuti per riannodare il loro rapporto spezzato e pochi giorni per raccontarsi i quarant'anni di lontananza.

"Nati con la camicia" è in fondo il trionfo di una grande amicizia. La vita di Emiliano risulta straordinaria (un ex campione di atletica leggera, smessa l'attività di insegnante di educazione fisica, diventa reporter sportivo e poi fotografo all'opera in America e in Africa); ma quella di Francesco non è da meno (diventato affermato commercialista, continua ad essere l'elemento di punta di un gruppo musicale di successo). Alla fine della lettura, conoscendo l'autore di "Nati con la camicia", m'è venuto il sospetto che i due personaggi principali - l'uno professionista concreto e amante della musica (Francesco); l'altro ex atleta, idealista, viaggiatore e fotografo (Emiliano) - abbiano ad essere le due anime che albergano nella sua testa e nel suo cuore.

Edoardo Croni   - 10 febbraio 2021

Stampa Email

Antonella Saija - Nati con la camicia

Roberto Corradini, ho terminato la revisione del suo romanzo "Nati con la camicia". Come potrà vedere i miei interventi sul testo sono pochi. Il libro è davvero bello, scritto con grande cura; dispensa emozioni con generosità, in più spalancando delle ampie e interessanti prospettive storiche sul nostro Paese. Inevitabile sperare che l'amicizia di Dumbo (Francesco) e Pinocchio (emiliano) continui forte e vera: ci si affeziona a entrambi con affetto sincero... Antonella Saija - Europa Edizioni - Roma  14 settembre 2020

Stampa Email

Mauro Niccolini - "Il sangue e l'inchiostro" - "Gente Libera"

Ho trovato finalmente il tempo di leggere "Il sangue e l'inchiostro" e "Gente Libera"; e li ho letti d'un fiato, tanto mi hanno appassionato. Ho apprezzato molto la scelta di raccontare in forma epistolare le storie dei protagonisti e, nel contempo, la Storia di quei cento anni densi di eventi. Le hai raccontate in modo brillante e con profonda sensibilità. Complimenti. Mauro Niccolini - Trento - 21 giugno 2020

Stampa Email

About Me

Amo viaggiare, fotografare, ascoltare e osservare, per poi raccontare...  Penso che il mio scrivere sia proprio il racconto di ciò che ho ascoltato e osservato in passato e nel presente.

Editori

Curcu & Genovese - Trento

www.curcugenovese.it

Europa Edizioni - Roma

wwvv.europaedizioni.it

Contattami

Roberto  Corradini

info@robertocorradini.it

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok