• Il mio terzo romanzo:
    Nati con la camicia

    Ho il piacere di presentarvi il mio terzo romanzo. "Nati con la camicia" (Europa Edizioni) il libro si può trovare o prenotare in tutte le librerie italiane, oppure tramite i bookstore on line.
    Ascolta l'anteprima del Libro

  • Gente Libera video presentazione

    La video presentazione del libro "Gente Libera" di Roberto Corradini realizzata a cura di RTTR buona visione.
    Guarda Video

  • Il sangue e l'inchiostro video presentazione

    La video presentazione del libro "Il Sangue e l'inchiostro" di Roberto Corradini realizzata a cura di Trentino Cultura buona visione.
    Guarda Video

  • 1
  • 2
  • 3
  • Home
  • Media
  • Rassegna Stampa

Emiliano e Francesco: storia di un’amicizia

“La vita non è quella che hai vissuto, ma quella che ricordi; e come la ricordi per raccontarla”. È racchiuso in questa citazione a Gabriel García Márquez, il leitmotiv dell’intero percorso di scrittura di Roberto Corradini, nato a Trento nel 1949, al suo terzo romanzo, “Nati con la camicia”, edito Europa Edizioni. Per quanto infatti, come lui stesso chiarisce, «non si tratti di un libro autobiografico, quello che racconto in “Nati con la camicia” è il mio periodo, l’epoca in cui sono stato bambino e adolescente, un collage di pezzi della mia vita e di quella dei miei amici o conoscenti». Centro della vicenda sono Emiliano e Francesco, due amici nati nel ‘50 il cui legame di solidarietà e complicità somiglia a quello di due fratelli, forse quasi gemelli, ma le cui sorti, nella vita adulta, li conducono a separarsi. Sarà il successivo ritrovamento, nel 2015, a permettere loro di comprendere come l’amicizia sappia essere un legame potente, in grado di andare oltre le dimensioni del tempo e dello spazio, e rendendoli simbolo universale di un sentimento.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO SU TM

Stampa Email

Luciana Grillo - Nati con la camicia - L'Adigetto

page1image1787712

Letteratura | Libri | Roberto Corradini: «Nati con la camicia» – recensione di Luciana Grillo 16/03/2021

Titolo: Nati con la camicia  Autore: Roberto Corradini  Editore: Europa Edizioni 2020   Collana: Edificare universi  Pagine: 444, brossura  Prezzo di copertina: 17,90 

page1image1787264

E’ uscito da poco un romanzo che mi ha incuriosita. Le vivaci esperienze dei protagonisti sono perfettamente inserite nei molti eventi che si sono succeduti negli anni considerati dal libro (1950-2015).
Dopo la lettura del romanzo, ho avuto modo di incontrare l’autore
Roberto Corradini

Nato a Trento nel 1949, egli ha lavorato in ambiti diversi, ma è stato soprattutto un insegnante. Ama viaggiare e fotografare per poi raccontare. Con Curcu-Genovese ha pubblicato «Il sangue e l’inchiostro» (2015) e «Gente Libera» (2017). Con Europa Edizioni ha pubblicato «Nati con la camicia» (2020).

Ho approfittato dell’occasione per intervistarlo.

Perché il titolo «Nati con la camicia»?

Il titolo è nato dalla mia consapevolezza di fare parte - come i protagonisti principali del romanzo - di una generazione fortunata, della prima generazione italiana che ha avuto modo di giocare e studiare a lungo e, nel contempo, dell’ultima generazione che ha trovato lavoro subito e formato famiglia presto. Per giunta, nella parte migliore del mondo e nel periodo più tranquillo della storia d’Europa. In anni di pace, speranza e prosperità diffusa. Ritengo, quindi, che i miei coetanei italiani (ai quali ho dedicato il libro) possano in gran parte riconoscersi nei protagonisti principali del romanzo (Emiliano e Francesco) e possano ammettere - con me - d’essere “nati con la camicia”Rispetto ai nostri padri, infatti, io e quelli della mia generazione abbiamo avuto una vita senz’altro più facile; non siamo andati in guerra, non siamo stati in balia di un dittatore; siamo stati i primi italiani a nascere cittadini e non sudditi; siamo stati i primi italiani a diventare cittadini del mondo, a poter viaggiare liberamente e a coronare molti sogni. E, rispetto ai nostri figli, dobbiamo ammettere che le nostre prospettive e speranze di allora erano molto più chiare e più robuste rispetto a quelle che loro possono nutrire oggi.

Quanto c’è di autobiografico nelle vicende dei due protagonisti principali?

Pur essendo stato anch’io protagonista o testimone diretto di tanti episodi narrati nel libro, ritengo che “Nati con la camicia” non sia un romanzo autobiografico, ma che possa presentare caratteristiche di un romanzo storico o, ancora meglio, sociologico. Detto questo, confesso di aver messo anche del personale nel mio romanzo, come quasi tutti gli scrittori.

Come è riuscito a incastrare storie dei protagonisti e grande storia con precisione millimetrica?

Io ho studiato sociologia e non sono uno storico, ma amo la Storia. Sono stato inoltre sempre attirato da cinema, musica, sport, viaggi, libri e fotografia. Dunque, per raccogliere nelle pagine i tanti avvenimenti (politici, sociali, sportivi, musicali, cinematografici, ecc.) che si sono succeduti nel lungo periodo che va dal 1950 al 2015, ho potuto fare leva su qualche competenza acquisita, oltre che su un’innata curiosità. Mi hanno aiutato molto la documentazione disponibile in internet e pure i tanti ricordi diretti, che ho cercato di usare con gli occhi del disincanto, piuttosto che con quelli della nostalgia.

Quanto tempo ha impiegato per completare questo romanzo?

Anche se ho iniziato a scriverlo nel 2017, subito dopo l’uscita del secondo romanzo "Gente Libera", credo di aver iniziato a concepire “Nati con la camicia” fin dalla mia infanzia.

Cosa si aspetta, a pubblicazione avvenuta?

Qualunque scrittore che per la prima volta vede un suo romanzo pubblicato da una casa editrice nazionale freme di gioia e di trepidazione insieme. Anch’io mi sto domandando: Chi saranno i miei nuovi lettori? Come risponderanno al mio invito? Vorrei comunque che arrivasse loro il messaggio principale: “Nati con la camicia” non è solo la storia di un’amicizia durata più di 60 anni, ma è anche un’offerta continua di emozioni positive e di sentimenti forti; è soprattutto un sereno invito ad ammettere che nascere nel 1950 invece che nel 1910, venire al mondo con la pelle bianca invece che nera o gialla o rossa, avere il passaporto italiano invece che quello dell’Angola o del Bangladesh, è stato (ed è) un puro CASO, una FORTUNA.

Luciana Grillo

Stampa Email

Silvia Vernaccini - "Nati con la camicia" su Corriere del Trentino

Corriere del TrentinoConsigli di lettura - Nel novembre 2020 è uscito il terzo romanzo dello scrittore trentino Roberto Corradini, “Nati con la camicia” (Europa Edizioni). Il libro narra l'evolvere dell'amicizia dei due protagonisti principali, nati nello stesso giorno del 1950 e nella medesima casa, che a un certo punto della loro vita si perdono di vista per ritrovarsi trent'anni dopo nel 2015. Le pagine si riempiono a questo punto di un fluire di riflessioni esistenziali e di ricordi legati ai tanti eventi sociali, sportivi e musicali del periodo considerato. L'autore riesce a descriverli senza accenti nostalgici e senza annoiare, grazie a un linguaggio vivo, a dialoghi serrati ma scorrevoli, capaci di caratterizzare le scene come in un film. La sua è una scrittura accattivante e dinamica, con sfumature di linguaggio che differenziano i diversi protagonisti. Che li disegnano.
Insomma, "Nati con la camicia" è un romanzo corale, con sottili osservazioni sulla società della grande e della piccola Storia: quella che fa da sfondo alle vicende dell'Italia, dell'Europa e di gran parte del mondo dal dopoguerra in poi. Silvia Vernaccini - Corriere del Trentino - 30 dicembre 2020

Stampa Email

About Me

Amo viaggiare, fotografare, ascoltare e osservare, per poi raccontare...  Penso che il mio scrivere sia proprio il racconto di ciò che ho ascoltato e osservato in passato e nel presente.

Editori

Curcu & Genovese - Trento

www.curcugenovese.it

Europa Edizioni - Roma

wwvv.europaedizioni.it

Contattami

Roberto  Corradini

info@robertocorradini.it

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok