• Il mio terzo romanzo:
    Nati con la camicia

    Ho il piacere di presentarvi il mio terzo romanzo. "Nati con la camicia" (Europa Edizioni) il libro si può trovare o prenotare in tutte le librerie italiane, oppure tramite i bookstore on line.
    Ascolta l'anteprima del Libro

  • Gente Libera video presentazione

    La video presentazione del libro "Gente Libera" di Roberto Corradini realizzata a cura di RTTR buona visione.
    Guarda Video

  • Il sangue e l'inchiostro video presentazione

    La video presentazione del libro "Il Sangue e l'inchiostro" di Roberto Corradini realizzata a cura di Trentino Cultura buona visione.
    Guarda Video

  • 1
  • 2
  • 3
  • Home
  • Commenti
  • Recensioni

Maurizio Panizza - Nati con la camicia

Per chi ama la storia, anche quella più recente, il bel romanzo di Roberto CorradiniNati con la camicia” (Europa Edizioni) potrà fornire certamente ottimi spunti di riflessione, se non addirittura di commozione. Sì, perché sul filo dei ricordi - di sicuro anche autobiografici - l’autore narra l'ultimo scorcio del Novecento descrivendo con minuziosa puntualità molti avvenimenti sociali, sportivi, musicali, culturali che in quegli anni, sia in Italia che nel mondo, hanno segnato le esistenze dei singoli e i destini della società. E' in tal modo che le vicende familiari dei due principali protagonisti, Emiliano e Francesco (che il destino ha voluto far nascere nel medesimo giorno del 1950 e nella medesima casa), si intrecciano e si confondono con le grandi sfide del dopoguerra, dal boom economico al Sessantotto, dalla libertà sessuale all’emancipazione della donna. Con un ritmo cronologico incalzante, l'autore fa rivivere ai due protagonisti (e ai loro tanti coetanei) gli anni più belli della loro vita, passati per giunta nel periodo più lungo di pace e prosperità della storia d'Italia e d'Europa, fornendo loro la consapevolezza di "essere stati più fortunati dei padri e, molto probabilmente, anche dei figli" (da qui il titolo significativo “Nati con la camicia”). Insomma, il racconto di due vite parallele fra amicizia, vittorie e sconfitte, lutti famigliari e nascite, che - prendendo spunto dalle intriganti esperienze di Emiliano e di Francesco - ripercorre la seconda metà di quel “secolo breve” che ha tracciato tappe fondamentali e indimenticabili della nostra esistenza. Un libro da leggere e da meditare - anche dai più giovani - per meglio comprendere luci ed ombre di un’epopea formidabile che non potrà mai più ripetersi. Maurizio Panizza - 31/5/2021

Stampa Email

Franco Sandri - Nati con la camicia

"Nati con la camicia" (Europa Edizioni, 2020) è un romanzo accurato nello stile e nei contenuti; è un libro di accattivante lettura che l'autore, Roberto Corradini, ha dedicato ai suoi "coetanei", cioè ai tanti che - come lui - sono nati in Italia nel dopoguerra, a coloro che hanno visto i genitori impegnati con sacrificio nel riuscito compito di ripianare i cumuli di macerie materiali, sociali e familiari derivanti dall'immane conflitto concluso da poco; è un libro dedicato a coloro che hanno trovato così, nella seconda metà del secolo scorso, un clima favorevole per impegnarsi in progetti concreti e finalmente sereni, per sognare addirittura di "cambiare il mondo", per cogliere comunque occasioni di studio, di lavoro, di viaggio, di benessere e di svago mai viste prima... Il titolo "Nati con la camicia" nasce appunto da una convinzione dell'autore che è facile condividere, quella cioè che tutti (o quasi tutti) coloro che sono nati in Italia e in Europa dopo la guerra possano ammettere di appartenere a una generazione "nata sotto buoni auspici" e cresciuta nel più lungo periodo di pace, speranza e prosperità che ha caratterizzato la storia di gran parte del mondo..."Nati con la camicia" potrebbe essere definito un romanzo "sociologico", perché l'autore è riuscito a intrecciare in modo puntuale le storie intriganti dei protagonisti del libro con i 60 anni abbondanti di eventi sociali, culturali, sportivi, musicali succedutisi in Italia, in Europa e in gran parte del mondo, dal 1950 al 2015... Protagonisti del romanzo sono Emiliano e Francesco, nati entrambi nel 1950 e nella medesima casa; si rivedono da adulti e ripercorrono - senza toni nostalgici, ma con residuo incanto - il periodo della loro infanzia-fanciullezza-gioventù, il periodo cioè della "prima generazione italiana che ha potuto giocare e studiare a lungo, e - nel contempo - l'ultima generazione che ha trovato lavoro subito e formato famiglia presto... per giunta nella parte migliore del mondo... con la consapevolezza d'essere più fortunati dei padri e, probabilmente, anche dei figli.". Franco Sandri - 29 maggio 2021

Stampa Email

Diego Andreatta - Nati con la camicia - Vita Trentina

Vita Trentina Il romanzo sociale di Roberto Corradini: Quei figli del 1950 : E' dedicata significativamente "ai miei coetanei" il romanzo che l'insegnante e scrittore trentino Roberto Corradini, classe 1949, ha dedicato alla parabola esistenziale di quanti sono nati negli anni Cinquanta, "la prima generazione italiana che ha avuto modo di giocare e di studiare a lungo e l'ultima che ha trovato lavoro subito e formato famiglia presto". Per dirla con il titolo del libro (edito da Europa Edizioni) "Nati con la camicia", come si autodefiniscono Emiliano e Francesco, venuti al mondo nella stessa casa a poche ore di distanza. La loro esistenza parallela è scandita e accompagnata come in un meticoloso diario familiare, anzi bifamiliare, che non s'interrompe quando le loro strade si dividono, dopo il matrimonio. Anche gli anni della maturità, in cui vivono lontani l'uno dall'altro, vengono ricostruiti in un lungo flash back biografico in cui prevale la prospettiva del disincanto. Tra abbandoni e lutti, vittorie e sconfitte ricondotte a una visione fatalistica della vita ("è il caso che ci fa incontrare le persone giuste o le persone sbagliate"), i due "gemelli" mettono a dura prova anche la loro amicizia, il rapporto fra le loro mogli e gli altri familiari. Come in una fotografia dove lo sfondo finisce per predominare sul primo piano, l'autore sceglie di percorrere un'epoca di grandi rivoluzioni più che una storia di maturazione personale, mettendo in fila con sorprendente precisione tutti i principali eventi che hanno segnato gli anni Sessanta e Settanta nella cronaca italiana e nei movimenti internazionali. Diego Andreatta, direttore del settimanale "Vita Trentina", 31 gennaio 2021 

 

Stampa Email

Francesca Scaramuzzino - "Nati con la camicia"

il 17 giugno 2020 ho ricevuto questa email che ha dato il via a un percorso editoriale promettente:
"Sig. Roberto Corradini, ho letto il manoscritto del romanzo che ci ha proposto. 'Nati con la camicia' si è rivelato una lettura davvero piacevole e stimolante, per questo sarei felice di averla tra i nostri autori. In particolare mi ha coinvolta il taglio realistico che propone un panorama storico significativo per l'intera nostra nazione, nel lungo periodo di pace e prosperità che parte dal 1945 e arriva al 2015. I protagonisti, Emiliano e Francesco, lo raccontano attraverso un'interessante chiave esistenziale. La ricchezza di aneddoti ed emozioni - legati/e alla musica, al cinema, allo sport e a tanto altro - rende il libro un intreccio completo e accattivante che può far ricordare al lettore quanto la vita di allora sia stata magari austera, ma senz'altro piena di prospettive chiare e serene...   Francesca Scaramuzzino - Europa Edizioni, Roma - 17 giugno 2020"

Stampa Email

Lia Nesler su "Gente Libera"

Recensione di  Lia  Nesler  relativa al romanzo  “GENTE  LIBERA”  di Roberto Corradini  ( ed. Curcu & Genovese - 2017)

Gente Libera” è un libro che ho letto già da qualche mese e che mi ha molto colpita. E’ un libro estremamente ibrido, e uso il termine “ibrido” in modo del tutto positivo: si tratta di un romanzo storico/epistolare che non si limita a darci un composito affresco del Trentino (e non solo) negli anni cruciali che vanno dal 1850 al 1950, ma - proseguendo la strada già iniziata nel precedente “Il sangue e l’inchiostro” - ci racconta anche alcuni tratti delle stesse radici familiari dell’autore. Quest’ultimo aspetto autobiografico trova compimento nell’ultima, commovente lettera di zia Valeria, rivolta direttamente al bambino che sarà partorito dalla nipote Carmela: chi sarà questo nuovo elemento della famiglia, Letizia o Roberto? Non importa se sarà maschio o femmina, importa che sarà amato e soprattutto che apprenderà dalla zia la storia dei Libera, che sono una parte del suo patrimonio genetico.

Leggi tutto

Stampa Email

About Me

Amo viaggiare, fotografare, ascoltare e osservare, per poi raccontare...  Penso che il mio scrivere sia proprio il racconto di ciò che ho ascoltato e osservato in passato e nel presente.

Editori

Curcu & Genovese - Trento

www.curcugenovese.it

Europa Edizioni - Roma

wwvv.europaedizioni.it

Contattami

Roberto  Corradini

info@robertocorradini.it

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok